Sito ufficiale della
Società Conservatrice
del Capanno Garibaldi

Storia in pillole

Breve storia del Capanno Garibaldi

1810

Don Giuseppe Roncuzzi , detto don Masone,  fa costruire il capanno per la caccia.

1818

Il capanno passa in eredità al fratello Mariano che, non usandolo, lo cede ai fratelli Camerani.

1834

Il 1° settembre il capanno viene venduto ai signori Domenico Guarini, Fabio Urbini e Francesco Grilli.
Il 20 settembre il capanno venne incendiato. Per ricostruirlo vengono associati altri 3 cacciatori: Alessandro Fabbri, Giovanni Santucci e Michele Galvani.

1843

Il 13 aprile Domenico Guarini vende la quota di Grilli a Paolo Dalla Scala e il 13 maggio 1845 Michele Galvani vende a Curzio Rasponi del Sale.

1844

Il Capanno viene ricostruito con pareti di mattoni e calce. In precedenza era stato costruito con piante vallive, grossi rami di quercia, robusti pali di legno e intonacato con la creta.

1867

La società dell’Unione Democratica il 20 agosto lo acquista per intero, al costo di 150 lire. Lo scopo è quello di conservarlo come memoria storica.

1874

L’Unione Democratica si scioglie.

1879

Alcuni soci dell’Unione ed altri patrioti romagnoli fondano la Società Conservatrice del Capanno Garibaldi.

1882

Il 21 ottobre viene approvato il primo statuto della Società Conservatrice che prevede un numero fisso di 52 soci.

1911

Nella notte del 3/4 novembre il Capanno viene incendiato. Grazie alle planimetrie e la direzione dell’Ing. Giovanni Baldini, la Società lo ricostruisce fedelmente, a ricordo della trafila garibaldina del 1849.

1975

Per salvarlo dalle acque della Pialassa Baiona e dalla subsidenza del territorio ravennate, la Società Conservatrice lo fa sollevare dal livello originario di 125 cm. La Società provvede a sostituire il ponte di legno che conduce al capanno con altro in cemento, nel contempo lo allaccia all’acquedotto cittadino rendendolo meglio fruibile ai visitatori e scolaresche. Vengono piantati alcuni pini, olivelle e tamerici che oltre a dargli un aspetto più suggestivo ed accogliente, lo riparano dal vento e dal sole estivo.

1981

Il Comune di Ravenna realizza una protezione sassosa per garantire l’integrità del terrapieno su cui poggia il capanno, minacciato dall’erosione dovuta al movimento dell’acqua e dalle maree

1998

Il vialetto che conduce al capanno viene elevato di livello tramite il riporto di 65 cm di stabilizzato e rinforzato – in alcuni punti – con massi e con la piantumazione di nuove olivelle e tamerici.

1999

Il Comune di Ravenna ha provveduto a sollevare il livello del ponte per sottrarlo dalle alte maree. Durante l’anno continua l’opera di rimboschimento del vialetto e piazzole. Lungo il vialetto di accesso al capanno viene deposta una lapide a ricordo della lotta partigiana.

2005

La Società Conservatrice realizza il sito internet www.capannogaribaldi.it, con informazioni storiche e turistiche sul Capanno Garibaldi.

2007

Viene rifatto il tetto con la canna raccolta nella valle del Bardello. Preziosa è stata la collaborazione con la direzione del museo delle Civiltà Palustri di Villanova di Bagnacavallo.

2013

La società Conservatrice del Capanno Garibaldi ha una pagina su Facebook.

2015

Nella notte del 5 febbraio viene invaso dalle acque della mareggiata eccezionale, senza subire senza danni. Il 30/10 un gruppo di soci e volontari, con massi e terreno di riporto derivante dal dragaggio della valle, ha alzato (sul versante nord), il cordone di protezione già realizzato nel 1981 dal comune.

2020

Il Capanno Garibaldi da giugno 2020, ha un suo gruppo facebook. Il consiglio della Società Conservatrice si attiva per una manutenzione ordinaria del tetto in cannella del Capanno, ammalorato da recenti eventi meteorici eccezionali.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram